• Parco Sasso Simone e Simoncello Sentiero 121 - immagine 1
  • Parco Sasso Simone e Simoncello Sentiero 121 - immagine 2
  • Parco Sasso Simone e Simoncello Sentiero 121 - immagine 3
  • Parco Sasso Simone e Simoncello Sentiero 121 - immagine 4
  • Parco Sasso Simone e Simoncello Sentiero 121 - immagine 5 (Valzoppo)
  • Parco Sasso Simone e Simoncello Sentiero 121 - immagine 6
  • Parco Sasso Simone e Simoncello Sentiero 121 - immagine 7
  • Parco Sasso Simone e Simoncello Sentiero 121 - immagine 8
  • Parco Sasso Simone e Simoncello Sentiero 121 - immagine 9
  • Parco Sasso Simone e Simoncello Sentiero 121 - immagine 10
  • Parco Sasso Simone e Simoncello Sentiero 121 - immagine 11
  • Parco Sasso Simone e Simoncello Sentiero 121 - immagine 12
  • Parco Sasso Simone e Simoncello Sentiero 121 - immagine 13

Sentiero CAI n. 121

Comprensorio: Sasso Simone
LocalitĂ  partenza: Passo Cantoniera
LocalitĂ  arrivo: Monte Canale
Numero:
121
Quota partenza: 1011 metri
Quota arrivo: 975 metri
Quota massima: 1011 metri
Dislivello: 50 metri
 
Lunghezza: 2,7 km.
DifficoltĂ : E
Tempo andata: 0,45-1,00 ore.
Tempo ritorno: 0,45-1,00 ore.

Il sentiero 121 del Parco Naturale del Sasso Simone e Simoncello è un itinerario di medio/bassa difficoltà che collega il Passo della Cantoniera con il sentiero 95, che si incrocia alle pendici nord-orientali del Monte Canale.
L’attacco del sentiero si trova nei pressi del Carpegna Park, il parco avventura per famiglie situato a poche decine di metri dal Passo Cantoniera, al quale è collegato mediante il primo tratto del sentiero 118; raggiunta la zona del parco si svolta a destra (ben segnalato da freccia direzionale), e si lasciano le attrezzature turistiche per dirigersi verso il bosco, imboccando una ampia pista sterrata.

Da subito si può notare come la reale difficoltà di questo percorso, che altimetricamente è quasi pianeggiante, si trovi proprio nel terreno, che è costantemente ricoperto di fango (anche nelle stagioni secche), anche a causa del passaggio di numerosi mezzi gommati, traffico probabilmente riconducibile al vicino poligono militare.
Un’altra cosa a cui fare attenzione è la segnaletica, in quanto le indicazioni sugli alberi sono molto datate e spesso vi sono diversi incroci con altre piste che si dipartono nel fitto bosco, cosa che potrebbe provocare problemi all’orientamento.

In breve si raggiunge il vecchio segnale indicante la località “Valzoppo”, dove sono presenti indicazioni per il sentiero 95 verso Villa Maindi e Serra di Valpiano; da questo punto la segnaletica si fa ancora più difficile da individuare, mentre l’ambiente muta abbandonando la comoda spianata per iniziare a scendere ed attraversare gli impluvi di due piccoli corsi d’acqua, che si oltrepassano con facili guadi.
In questo tratto vengono in aiuto dei “fiocchi” realizzati con nastro bianco e rosso ed appesi agli alberi (segnaletica non ufficiale ma molto utile), che permettono di orientarsi e superare i passaggi più intricati.

Superato un terzo guado, un po’ più fastidioso dei primi 2 a causa del fango, si inizia a risalire verso il Monte Canale, uscendo dal bosco ed attraversando un bel prato punteggiato da innumerevoli piante di ginepro, da cui si gode, volgendosi di spalle, di una notevole vista sui Sassi Simone e Simoncello.
Il sentiero termina raggiungendo il crinale, dove ci si immette nel sentiero 95, che può essere seguito per giungere a Serra di Valpiano seguendo la cresta fino alla vetta (svoltando a sinistra), o in alternativa per arrivare a Villa Maindi attraverso una ripida discesa nella valle sottostante (svoltando a destra).