• Parco Monte San Bartolo Sentiero 154 - immagine 1
  • Parco Monte San Bartolo Sentiero 154 - immagine 2
  • Parco Monte San Bartolo Sentiero 154 - immagine 3
  • Parco Monte San Bartolo Sentiero 154 - immagine 4
  • Parco Monte San Bartolo Sentiero 154 - immagine 5
  • Parco Monte San Bartolo Sentiero 154 - immagine 6
  • Parco Monte San Bartolo Sentiero 154 - immagine 7
  • Parco Monte San Bartolo Sentiero 154 - immagine 8
  • Parco Monte San Bartolo Sentiero 154 - immagine 9
  • Parco Monte San Bartolo Sentiero 154 - immagine 10
  • Parco Monte San Bartolo Sentiero 154 - immagine 11
  • Parco Monte San Bartolo Sentiero 154 - immagine 12
  • Parco Monte San Bartolo Sentiero 154 - immagine 13

Sentiero CAI n. 154

Comprensorio: Monte San Bartolo
LocalitĂ  partenza: Cattabrighe
LocalitĂ  arrivo: Santa Marina Alta
Numero:
154
Quota partenza: 30 metri
Quota arrivo: 150 metri
Quota massima: 162 metri
Dislivello: 185 metri
 
Lunghezza: 2,8 km.
DifficoltĂ : T
Tempo andata: 0,45-1,00 ore.
Tempo ritorno: 0,35-0,50 ore.

 

Il sentiero 154 del Parco Naturale del Monte San Bartolo è un percorso di quasi 3km che permette di raggiungere il panoramico borgo di Santa Marina Alta partendo dalla statale 16, e compiendo poi un anello attorno al paese inoltrandosi anche per un tratto nella falesia lato mare.

L’attacco del sentiero si trova a poca distanza dalla frazione di Cattabrighe, superata la quale si prosegue verso nord svoltando a destra in Strada di Santa Marina, dove si inizia subito a salire lasciandosi la statale alle spalle.

La prima parte del percorso si svolge su fondo asfaltato, superando alcune abitazioni e con una pendenza abbastanza marcata. In breve si giunge all’incrocio con Strada dei Canneti, ma si prosegue sulla sinistra sempre su Strada di Santa Marina, continuando a salire mentre ai lati si può notare il tipico paesaggio rurale che caratterizza il versante sud-ovest del San Bartolo.

Al termine della ripida salita si sbuca sulla Strada Panoramica (qui si incrocia una prima volta il sentiero 151), in corrispondenza di un ampio tornante, e la si percorre per qualche centinaia di metri, affrontando un falsopiano che permette di riprendere fiato, prima di lasciare la parte asfaltata (nei pressi del successivo tornante dove è posta anche un’area di sosta con panchine) ed immergersi nella falesia imboccando uno stretto sentierino che si inoltra tra gli alberi.

Questo tratto è il più interessante di tutto il percorso, perché permette di entrare in un ambiente selvaggio e molto diverso da quello del versante appena attraversato, tuttavia non presenta difficoltà troppo elevate in quanto la traccia taglia obliquamente il ripido declivio, senza particolari pendenze od ostacoli di rilievo.
Nell’unico punto più complesso, un piccolo “salto” di 3-4 metri, dove un tempo si risaliva mediante l’utilizzo di una corda, sono state realizzate delle comode “scalette” che permettono di superare l’ostacolo in tutta sicurezza.
In breve tempo si sbuca nuovamente sulla Strada Panoramica, che si percorre oltrepassando l’abitato di Santa Marina Alta fino alla piccola chiesa (secondo incrocio con il 151), dove si gira a destra in discesa su Strada dei Canneti, da seguire per circa mezzo chilometro, prima di svoltare di nuovo a destra su di un’ampia pista sterrata (attenzione al segno sull’albero per individuare l’incrocio).

Qui si percorre l’ultima parte del sentiero, che risale tra i campi retrostanti il borgo, prima di completare il piccolo anello ed incrociare di nuovo il lungo sentiero 151, che attraversa tutto il comprensorio tagliandolo orizzontalmente da Pesaro a Gabicce Mare.