• Monti delle Cesane Sentiero 139 - immagine 1
  • Monti delle Cesane Sentiero 139 - immagine 2
  • Monti delle Cesane Sentiero 139 - immagine 3
  • Monti delle Cesane Sentiero 139 - immagine 4
  • Monti delle Cesane Sentiero 139 - immagine 5 (Fosso Tinaccio)
  • Monti delle Cesane Sentiero 139 - immagine 6
  • Monti delle Cesane Sentiero 139 - immagine 7
  • Monti delle Cesane Sentiero 139 - immagine 8
  • Monti delle Cesane Sentiero 139 - immagine 9
  • Monti delle Cesane Sentiero 139 - immagine 10
  • Monti delle Cesane Sentiero 139 - immagine 11
  • Monti delle Cesane Sentiero 139 - immagine 12
  • Monti delle Cesane Sentiero 139 - immagine 13

Sentiero CAI n. 139

Comprensorio: Monti delle Cesane
Località partenza: Isola del Piano
Località arrivo: La Baita
Numero:
139
Quota partenza: 215 metri
Quota arrivo: 619 metri
Quota massima: 619 metri
Dislivello: 400 metri
Vecchia numerazione:
39
Lunghezza: 5,0 km.
Difficoltà: E
Tempo salita: 2,00-2,30 ore.
Tempo discesa: 1,30-2,00 ore.

 

Il sentiero 139 delle Cesane conduce al ristoro La Baita partendo da Isola del Piano ed attraversando per un lungo tratto il letto del Fosso Tinaccio.
Si parte proprio dal limitare del nucleo abitato, sulla strada che conduce alla piccola zona industriale ed all'attiguo centro sportivo, proseguendo per un paio di chilometri sull'asfaltata, in un piacevole falsopiano che guadagna lentamente quota mentre ci si addentra nell'ambiente rurale, incrociando il Fosso della Cava che si supera in corrispondenza di un ponticello.

Poco dopo l'attraversamento si incontra (la zona è denominata Le Fosse) il bivio con il 140 che sale a sinistra verso la piccola frazione denominata "La Vignaria", mentre il 139 prosegue dritto verso il Fosso Tinaccio, staccandosi improvvisamente dopo altri 300 metri dalla strada sterrata, per immergersi nel letto del corso d'acqua.

Questa parte è molto suggestiva, ma ovviamente occorre fare attenzione, in quanto si risale un corso d'acqua senza che vi sia una traccia da seguire e, logicamente, nelle stagioni piovose non è infrequente che la portata sia notevole, con tutte le conseguenze del caso...
Si prosegue lungo il fosso, tra i ripidi versanti della stretta gola che lo ospita, per un tratto abbastanza lungo (circa 1 km), al termine del quale si incontra sulla destra, ben segnalata da una freccia direzionale, una traccia che sale in maniera decisa sul fianco della montagna e che conduce in poco tempo, superando alcuni tornanti (questo √® il tratto pi√Ļ duro, ci sono pendenze notevoli), ai ruderi di Casa Cecilia, circondata da un bel prato che consente ampie vedute sulla zona.

Si segue quindi la stradina sbrecciata che conduce all'asfaltata proveniente da Isola del Piano, per poi svoltare a sinistra verso il bosco, in corrispondenza di una spianata particolarmente brulla situata pochi metri prima di raggiungere la strada. Si affronta quindi un lungo traverso, incrociando dapprima l'impluvio della parte sommitale del Fosso Tinaccio e successivamente, mantenendosi all'ombra delle conifere in un ampio viale, si raggiunge la strada provinciale delle Cesane, incrociando il sentiero 135 a poche decine di metri di distanza dal ristoro La Baita.

Questo sito usa cookies per migliorare la qualità del servizio offerto. Navigando su PesaroTrekking accetti il loro utilizzo.