• Monte Catria Sentiero 55 - immagine 1
  • Monte Catria Sentiero 55 - immagine 2
  • Monte Catria Sentiero 55 - immagine 3
  • Monte Catria Sentiero 55 - immagine 4
  • Monte Catria Sentiero 55 - immagine 5
  • Monte Catria Sentiero 55 - immagine 6
  • Monte Catria Sentiero 55 - immagine 7
  • Monte Catria Sentiero 55 - immagine 8
  • Monte Catria Sentiero 55 - immagine 9
  • Monte Catria Sentiero 55 - immagine 10 (Fonte Acera)
  • Monte Catria Sentiero 55 - immagine 11
  • Monte Catria Sentiero 55 - immagine 12
  • Monte Catria Sentiero 55 - immagine 13 (Infilatoio)
  • Monte Catria Sentiero 55 - immagine 14 (Rifugio Vernosa)

Sentiero CAI n. 55

Comprensorio: Monte Catria
LocalitĂ  partenza: Chiaserna
LocalitĂ  arrivo: Rifugio Vernosa
Numero:
55
Quota partenza: 520 metri
Quota arrivo: 1490 metri
Quota massima: 1490 metri
Dislivello: 970 metri
Nuova numerazione CAI:
260
Lunghezza: 4,5 km.
DifficoltĂ : E
Tempo salita: 3,00-3,15 ore.
Tempo discesa: 2,00-2,20 ore.

 

Il sentiero 55 del Monte Catria (recentemente inserito in un percorso più lungo, contrassegnato dal numero 260, che comprende anche i sentieri 60, 65 e 64) è una bella via, molto impegnativa dal punto di vista delle pendenze, che conduce da Chiaserna fino al Rifugio Vernosa, ultimo punto di sosta sulla via della vetta del Catria.

Si giunge all’imbocco del sentiero dopo aver percorso la strada provinciale che conduce a Chiaserna provenendo da Cantiano, svoltando poi a sinistra sulla strada per il Catria (contrassegnata da insegna), proseguendo per circa 500 metri fino ad incontrare sulla destra una larga piazzola con un fontanile, dove è anche possibile parcheggiare in tutta comodità.

Dalla piazzola si prosegue su una ampia carrareccia, inizialmente caratterizzata da un fondo sbrecciato su ghiaia fine, accompagnati dalla presenza di un lungo ed antico muretto e dal rumore dell’acqua che scorre incessante nel sottostante torrente.

Si percorrono alcune centinaia di metri e pian piano il fondo stradale cambia aspetto, i ciottoli vengono sostituiti sempre più da pietre e, soprattutto, la stradina inizia a salire in maniera veramente repentina, mettendo a dura prova il fiato se non si dispone di un’ottima condizione fisica.

Il percorso prosegue all’interno del bosco via via più fitto, con una serie interminabile di svolte che non danno tregua, fino a raggiungere il fianco del Catria (che sovrasta letteralmente la zona), sotto alte pareti strapiombanti. Si continua, senza sosta, attraversando una zona devastata da una recente valanga (inverno 2012) che, staccatasi dal fianco della montagna, ha letteralmente cancellato il bosco sottostante, di cui rimangono soltanto alcuni sporadici esemplari di faggio ad alto fusto. Fortunatamente l'opera di pulizia da parte dei boscaioli è stata ottima, ed il percorso originale è sostituito in questo tratto da una stradina sassosa molto ripida ma comunque facile da individuare. Si prosegue in questo ambiente per alcune centinaia di metri di dislivello, fino a raggiungere la strada asfaltata abbandonata alla partenza, di fronte al cartello indicante la “Fonte Acera”.

Raggiunta la sorgente, su tratto di ripido sentiero che presenta ora un fondo di morbida terra, ed apprezzate le fresche acque che è in grado di fornire (attenzione, se non si effettuano deviazioni questa è l’ultima presa d’acqua nel cammino verso la vetta..), si prosegue all’interno del bosco sempre in decisa salita, fino a raggiungere nuovamente la strada che si percorre fino ad una curva a sinistra da dove, sulla destra, si stacca una stradina che conduce al rifugio Capanna dei Porci.

Oltrepassata la costruzione, ed il bivio con il sentiero 63 che proviene da Bocca della Valle, si riprende a salire repentinamente in un sentierino tra i boschi, ben segnalato con numerosi segni sugli alberi, che conduce in breve alla sella dell’Infilatoio, incrociando di nuovo la strada nei pressi della Madonna degli Scout (quota 1376m, qui si incrocia il sentiero 64 che proviene dal Rifugio Le Gorghe).

Raggiunti gli spettacolari prati ed oltrepassata la strada si segue una debole traccia che si inoltra tra gli alberi, dietro la madonnina, inoltrandosi poi nei prati sommitali (incrocio con il sentiero 77 che sale da Fonte Avellana) con la sagoma imponente del Catria proprio di fronte e raggiungendo quindi il Rifugio Vernosa (quota 1490m, dove giunge anche il sentiero 69, tratto del Sentiero Italia che sale anch'esso da Fonte Avellana), dal quale è possibile proseguire sul sentiero 56 fino alla vetta, in circa mezz’ora di cammino.

Questo sito usa cookies per migliorare la qualitĂ  del servizio offerto. Navigando su PesaroTrekking accetti il loro utilizzo.