• Monti Acuto e Catria
  • Balze del Monte Catria
  • Monte Catria al tramonto
  • Monte Acuto visto dal Catria
  • Vista del Monte Acuto
  • Monte Catria dal versante ovest
  • Croce di vetta del Monte Catria

Sentiero CAI n. 52

Comprensorio: Monte Catria
LocalitĂ  partenza: Passo La Croce
LocalitĂ  arrivo: Corno del Catria
Numero:
52
Quota partenza: 653 metri
Quota arrivo: 1185 metri
Quota massima: 1234 metri
Dislivello: 575 metri
Nuova numerazione CAI:
252A
Lunghezza: 5,5 km.
DifficoltĂ : E
Tempo salita: 2,15-2,30 ore.
Tempo discesa: 1,45-2,00 ore.

 

Il sentiero 52 del comprensorio del Monte Catria parte dal Passo La Croce, raggiungibile da Cantiano imboccando la strada che porta a Chiaserna, oltrepassando la frazione stessa e proseguendo per circa 2km, su strada in leggera salita. Sul punto di partenza sono presenti un ampio piazzale sbrecciato, ottimo da utilizzarsi come parcheggio, ed un abbeveratoio per l’indispensabile rifornimento dell’acqua, dal momento che non se ne trova lungo il percorso…

Lasciata la macchina si prosegue per pochi metri lungo la strada asfaltata dalla quale si proviene, in direzione di Valdorbia, da abbandonare per imboccare una stradina sbrecciata sul lato sinistro della carreggiata. Il primo tratto di sentiero è molto semplice, la stradina è larga ed il dislivello praticamente inesistente, solo un susseguirsi di brevi ed innocui saliscendi, in ambiente boschivo ombreggiato e molto piacevole, che portano prima a raggiungere la vecchia carrareccia che conduce al Pian d'Ortica, e poi, proseguendo lungo la stessa (ignorare alcuni bivi che conducono alla vecchia cava, ora dismessa), ad incrociare il bivio con il sentiero 53 che sale alla volta della Balza degli Spicchi, che andrà ignorato proseguendo ancora lungo la strada per altri 500 metri circa.

In questo punto il sentiero (da qui risegnato con il nuovo numero 252A) si divide dalla carrareccia, ed inizia a salire in maniera decisa nel bosco tagliando un tratto a gradoni. In questo tratto il lavoro di risegnatura risulta essere molto prezioso, infatti il tracciato era diventato praticamente introvabile, mentre ora si può seguire agevolmente grazie alle numerose indicazioni che si trovano lungo il percorso.

Il sentiero sale quindi diagonale lungo il versante, incrociando la strada per 4 volte (la seconda e la terza a distanza molto ravvicinata, vicino ad una curva) prima di lasciarsela definitivamente sulla sinistra, nei pressi di un ampio tornante, da dove si incontrano altri segni evidenti, che conducono dapprima in un fossato all’interno del bosco e poi ad uscire sui prati, su traccia ben marcata, costeggiando anche alcune caratteristiche roccette.

In pochi minuti si raggiunge nuovamente la strada presso il Rifugio Boccatore, da dove partono il panoramico sentiero 56 che conduce prima alla Balza degli Spicchi e successivamente in vetta, ed il 51 che supera il Pian d'Ortica e si sviluppa quindi sull'altro versante del Catria, mentre il 52 prosegue per qualche decina di metri lungo la strada stessa, fino ad imboccare un sentierino (ben segnalato) che conduce attraverso il bosco alla cresta del Corno del Catria, che si percorre in pochi minuti, su terreno roccioso in discesa, con medie pendenze.

Il Corno presenta una vista spettacolare sulla sottostante valle del Sentino e sui monti Cucco e Motette, posti proprio di fronte, oltre la selvaggia gola formata dal torrente, sicuramente si tratta di un punto panoramico di eccezionale valore.

Questo sito usa cookies per migliorare la qualitĂ  del servizio offerto. Navigando su PesaroTrekking accetti il loro utilizzo.